SYMLINK(2) Manuale del programmatore di Linux SYMLINK(2)

symlink, symlinkat - crea un nuovo nome per un file

#include <unistd.h>
int symlink(const char *target, const char *linkpath);
#include <fcntl.h>           /* Definizione delle costanti AT_**/
#include <unistd.h>
int symlinkat(const char *target, int newdirfd, const char *linkpath);
Macro per test di funzionalità per glibc (vedere feature_test_macros(7)):

symlink():

_XOPEN_SOURCE >= 500 || _POSIX_C_SOURCE >= 200112L || /* Glibc versioni <= 2.19: */ _BSD_SOURCE

symlinkat():

A partire da glibc 2.10:
_POSIX_C_SOURCE >= 200809L
Prima di glibc 2.10:
_ATFILE_SOURCE

symlink() crea un collegamento simbolico con nome linkpath che contiene la stringa target.

I collegamenti simbolici sono interpretati all'esecuzione come se il contenuto del collegamento fosse stato sostituito nel percorso seguito per trovare un file o una directory.

Un collegamento simbolico può contenere .. come componente del percorso, che (se usato all'inizio del collegamento) fa riferimento alle directory superiori a quella nella quale risiede il collegamento.

Un collegamento simbolico (conosciuto anche come soft link) può puntare ad un file esistente o ad uno non esistente: in quest'ultimo caso è detto dangling link.

I permessi di un collegamento simbolico sono irrilevanti. Quando si segue il collegamento il proprietario viene ignorato: viene invece verificato quando si richiede la rimozione o la rinomina del collegamento che si trovi in una directory con lo sticky bit (S_ISVTX) impostato.

Se linkpath esiste non verrà sovrascritto.

La chiamata di sistema symlinkat() opera esattamente nello stesso modo di symlink(), tranne che per le differenze di seguito descritte.

Se il nome di percorso dato in linkpath è relativo, è interpretato come relativo alla directory a cui il descrittore di file newdirfd fa riferimento (piuttosto che relativo alla directory di lavoro corrente del processo chiamante, come fa symlink() per un nome di percorso relativo).

Se linkpath è relativo e newdirfd è il valore speciale AT_FDCWD, linkpath è interpretato come relativo alla directory di lavoro corrente del processo chiamante (come symlink()).

Se linkpath è assoluto, newdirfd è ignorato.

In caso di successo restituisce zero. In caso di errore restituisce -1, e errno verrà impostato di conseguenza.

EACCES
Non è possibile l'accesso in scrittura alla directory contenente linkpath, o una delle directory contenute nel prefisso del percorso di linkpath non ha il permesso di ricerca. (Vedere anche path_resolution(7).)
EDQUOT
La quota di risorse dell'utente sul filesystem è esaurita. Le risorse possono essere inode o blocchi del disco, a seconda dell'implementazione del filesystem.
EEXIST
linkpath esiste già.
EFAULT
target o linkpath puntano fuori dallo spazio di indirizzamento accessibile.
EIO
Si è verificato errore I/O.
ELOOP
Si sono incontrati troppi collegamenti simbolici nella risoluzione di linkpath.
ENAMETOOLONG
target o linkpath è troppo lungo.
ENOENT
Una directory contenuta in linkpath non esiste o è un collegamento simbolico scollegato, o target o linkpath è una stringa vuota.
ENOMEM
Insufficiente memoria disponibile per il kernel.
ENOSPC
Il dispositivo contenente il file non ha spazio per la nuova directory.
ENOTDIR
Un elemento usato come directory in linkpath non è, in effetti, una directory.
EPERM
Il filesystem contenente linkpath non supporta la creazione di collegamenti simbolici.
EROFS
linkpath è contenuto in un filesystem in sola lettura.

Altri errori si possono presentare per symlinkat():

EBADF
newdirfd non è un descrittore di file valido.
ENOENT
linkpath è un percorso relativo e newdirfd fa riferimento a una directory che è stata eliminata.
ENOTDIR
linkpath è relativo e newdirfd è un descrittore di file fa riferimento a un file anziché a una directory.

symlinkat() è stato aggiunto a Linux nel kernel 2.6.16; il supporto per le librerie è stato aggiunto a glibc nella versione 2.4.

symlink(): SVr4, 4.3BSD, POSIX.1-2001, POSIX.1-2008.

symlinkat(): POSIX.1-2008.

Non viene effettuato nessun controllo su target.

La cancellazione del nome a cui fa riferimento un collegamento simbolico cancellerà il file (a meno che esso non abbia altri collegamenti fisici). Se non si desidera questo comportamento usare link(2).

Su vecchi kernel dove symlinkat() non è disponibile, la funzione wrapper glibc retrocede all'uso di symlink(). Dove linkpath è un nome di percorso relativo, glibc costruisce un nome di percorso basato sul collegamento simbolico in /proc/self/fd che corrisponde all'argomento newdirfd.

ln(1), namei(1), lchown(2), link(2), lstat(2), open(2), readlink(2), rename(2), unlink(2), path_resolution(7), symlink(7)

Questa pagina fa parte del rilascio 5.10 del progetto Linux man-pages. Una descrizione del progetto, le istruzioni per la segnalazione degli errori, e l'ultima versione di questa pagina si trovano su https://www.kernel.org/doc/man-pages/.

La traduzione italiana di questa pagina di manuale è stata creata da Goffredo Baroncelli <kreijack@usa.net>, Giulio Daprelà <giulio@pluto.it>, Elisabetta Galli <lab@kkk.it> e Marco Curreli <marcocurreli@tiscali.it>

Questa traduzione è documentazione libera; leggere la GNU General Public License Versione 3 o successiva per le condizioni di copyright. Non ci assumiamo alcuna responsabilità.

Per segnalare errori nella traduzione di questa pagina di manuale inviare un messaggio a pluto-ildp@lists.pluto.it.

15 settembre 2017 Linux