LDD(1) Manuale del programmatore di Linux LDD(1)

ldd - stampa le dipendenze degli oggetti condivisi

ldd [opzione]... file...

ldd stampa gli oggetti condivisi (librerie condivise) richiesti da ciascun programma od oggetto condiviso specificato sulla riga di comando. Un esempio d'uso e di output (usando sed(1) per tagliare gli spazi bianchi iniziali per una migliore leggibilità in questa pagina) è il seguente:


$ ldd /bin/ls | sed 's/^ */    /'
        linux-vdso.so.1 (0x00007ffcc3563000)
        libselinux.so.1 => /lib64/libselinux.so.1 (0x00007f87e5459000)
        libcap.so.2 => /lib64/libcap.so.2 (0x00007f87e5254000)
        libc.so.6 => /lib64/libc.so.6 (0x00007f87e4e92000)
        libpcre.so.1 => /lib64/libpcre.so.1 (0x00007f87e4c22000)
        libdl.so.2 => /lib64/libdl.so.2 (0x00007f87e4a1e000)
        /lib64/ld-linux-x86-64.so.2 (0x00005574bf12e000)
        libattr.so.1 => /lib64/libattr.so.1 (0x00007f87e4817000)
        libpthread.so.0 => /lib64/libpthread.so.0 (0x00007f87e45fa000)

Usualmente, ldd invoca il linker dinamico standard (vedere ld.so(8)) e assegna la variabile d'ambiente LD_TRACE_LOADED_OBJECTS impostandola a 1. Questo fa sì che il linker dinamico ispezioni le dipendenze dinamiche del programma, e trovi (in accordo con le regole descritte in ld.so(8)) e carichi gli oggetti che soddisfano quelle dipendenze. Per ogni dipendenza, ldd mostra la posizione dell'oggetto trovato e l'indirizzo (esadecimale) in cui è stato caricato. (Le dipendenze condivise linux-vdso e ld-linux sono speciali; vedi vdso(7) e ld.so(8).)

È bene sapere che in qualche caso (p.es. quando il programma specifica un interprete ELF oltre a ld-linux.so), alcune versioni di ldd possono tentare di ottenere le informazioni sulle dipendenze tentando di eseguire direttamente il programma, che può portare all'esecuzione di qualsivoglia codice sia definito nell'interprete ELF del programma, e forse all'esecuzione del programma stesso. (Nelle versioni di glibc precedenti alla 2.27, l'implementazione upstream di ldd faceva questo, per esempio, sebbene la maggior parte delle distribuzioni forniscano una versione modificata che non lo fa.)

Perciò, non si dovrebbe mai impiegare ldd su un eseguibile non fidato, poiché può avere come risultato l'esecuzione di codice arbitrario. Un'alternativa più sicura quando si ha a che fare con eseguibili non fidati è:


$ objdump -p /percorso/del/programma | grep NEEDED

Si noti, comunque, che questa alternativa mostra solo le dipendenze dirette dell'eseguibile, mentre ldd mostra l'intero albero delle dipendenze dell'eseguibile.

--version
Stampa il numero di versione di ldd.
-v, --verbose
Stampa tutte le informazioni, inclusa ad es. la versione.
-u, --unused
Stampa le dipendenze dirette inutilizzate. (A partire da glibc 2.3.4.)
-d, --data-relocs
Effettua rilocazioni e riporta ogni oggetto mancante (solo ELF).
-r, --function-relocs
Effettua rilocazioni sia per oggetti dati che per funzioni, e riporta tutti gli oggetti o funzioni mancanti (solo ELF).
--help
Informazioni sull'uso.

ldd non funziona con librerie condivise a.out.

ldd non funziona con alcuni programmi a.out molto vecchi, che sono stati costruiti prima che il supporto di ldd fosse aggiunto alle release del compilatore. Se si usa ldd in uno di questi programmi il programma tenterà di funzionare con argc = 0 e i risultati saranno non prevedibili.

pldd(1), sprof(1), ld.so(8), ldconfig(8)

Questa pagina fa parte del rilascio 5.11 del progetto Linux man-pages. Una descrizione del progetto, le istruzioni per la segnalazione degli errori, e l'ultima versione di questa pagina si trovano su https://www.kernel.org/doc/man-pages/.

La traduzione italiana di questa pagina di manuale è stata creata da Giulio Daprelà <giulio@pluto.it> e Marco Curreli <marcocurreli@tiscali.it>

Questa traduzione è documentazione libera; leggere la GNU General Public License Versione 3 o successiva per le condizioni di copyright. Non ci assumiamo alcuna responsabilità.

Per segnalare errori nella traduzione di questa pagina di manuale inviare un messaggio a pluto-ildp@lists.pluto.it.

22 marzo 2021